static1.squarespace

Il feticismo dei piedi nella “Psychopathia sexualis”

Riteniamo che il feticismo sia un aspetto troppo ampio, complesso, e soprattutto umano, per essere rilegato alla psicologia e in particolar modo alla psicopatologia (sessuale). Si tratta di un’universale espressione e significazione  che riguarda tutti i campi; il feticismo dei piedi è una sua espressione nella sessualità, centratasi su una parte molto significativa del corpo umano.
Questi brevi cenni sull’universo stanno a difendere un feticismo dei piedi che non debba necessariamente e per lo più rientrare nelle forme di patologia sessuale (benché appunto possano esistere comportamenti di tipo feticistico che hanno per oggetto i piedi e creano problemi a chi li vive). E ci sembra una necessaria premessa non solo generale per questo blog, che parla di feticismo dei piedi con orgogliosa rivendicazione dell’espressione, ma anche in merito a quanto stiamo per dire nel presente post. Che ha per oggetto un po’ di citazioni dal manuale classico consultato da psichiatrici, psicologi, medici e giudici: la Psychopathia sexualis di Kraft-Ebing. Per la prima volta pubblicato nel 1866 – col sottotitolo “con Speciale Riferimento all’Istinto Sessuale di Carattere Contrario: Uno Studio Medico-Forense” –, è stato per anni e anni, fino ancora a poco tempo fa, il “testo unico” in materia, e  ha comunque influenzato tutti i successivi studi, se non altro perché ha coniato molti termini (tra cui sadismo e masochismo) tuttora usati dagli stessi felici e soddisfatti praticanti.feeeeet

Precisiamo che purtroppo non c’è stato possibile, finora, consultare la prima edizione o quelle immediatamente successive: abbiamo tra le mani l’edizione di Pgreco (Milano 2011), che riprende a sua volta un’edizione italiana della metà degli anni sessanta che aveva rielaborato l’originale completandolo con riferimenti medico-legali al diritto italiano.
Dato il taglio dell’opera, la trattazione generale e i casi presentati non possono ovviamente non essere quelli patologici, ma va a merito del Kraft-Ebing fare una significativa distinzione all’inizio della sua esposizione della voce “Feticismo di parti del corpo”:

Come nella vita normale l’occhio, i capelli, la mano, il piede, talora anche il seno della donna diventano feticci, così non è raro che le stesse parti del corpo si presentino come oggetto di feticismo patologico. Questo risulta dal concentrarsi dell’interesse sessuale esclusivamente su tali parti del corpo, accanto alle quali scompare tutto il resto onde risulta la donna e questa perde ogni altro valore sessuale.

Le righe sono molte chiare: c’è un feticcio che è parte integrante della sessualità (ma morigerata e non libidinosa…) e non dà adito a comportamenti patologici, e c’è poi una ossessione esclusiva e totalizzante, da riferire alla patologia. Un passo dunque illuminato, all’interno di un’opera che certo non pecca di trasgressività, anzi.
La casistica successiva che egli espone, infatti, e che riguarda casi di feticismo dei piedi,  oggi difficilmente apparirebbe patologica e ci fa presente i canoni molto rigidi a cui si attiene Kraft-Ebing. Ma ancora prima egli abbozza un interessante confronto tra feticismo delle mani e dei guanti, da una parte, e feticismo dei piedi e delle scarpe, dall’altra:

Manifestazioni di civiltà, tradizione, motivi estetici, ecc., hanno spesso una parte preponderante nel suggerire le cure per le mani e i piedi che questi individui pervertiti vorrebbero far dipendere da patologie sessuali. Accanto ai feticisti della mano sono da considerare i feticisti del piedi. Soltanto, mentre il feticismo della mano è sostituito raramente dal feticismo del guanto, appartenente alla categoria più ampia del feticismo per cose, si trova molto spesso il feticismo delle scarpe e degli stivali in luogo di quello del piede. Il motivo si intuisce facilmente. Il bambino vede la mano della dona per lo più a nudo, mentre il piede vede per lo più calzato. Per questo le associazioni, onde si determina nei feticisti la tendenza caratteristica della loro sessualità, si riconnettono alla mano nuda e al piede, invece calzato. In ogni caso questa spiegazione vale per gli individui cresciuti in città e spiega senz’altro la rarità del feticismo del piede. Faccio astrazione dal masochismo larvato nella forma della coprolagnia in cui il fascino feticistico è esercitato non dal piede pulito, ma dall’opposto.

kick_it_off_by_artistic_feetNon passi inosservato, comunque, l’attacco nelle prime righe: ok decantare la bellezza estetica dei piedi femminili, ma i pervertiti libdinosi si sbagliano se credono che la cura femminile per le estremità abbia un messaggio sessuale… In questo passo Kraft-Ebing esprime soprattutto però la convinzione che, come nel feticismo riferito alle estremità degli arti superiori la passione per le mani sia preponderante statisticamente rispetto al fascino dei guanti,  così per il feticismo riferito alle estremità degli arti inferiori la passione per le scarpe sia più diffusa di quella per i piedi nudi. Delinea così un chiasmo che è tuttavia discutibile, soprattutto quando parla di “rarità del feticismo del piede”, statisticamente criticabile, a meno che non si prenda il feticismo delle scarpe nell’accezione più ampia. Infatti, se sommassimo l’attrazione delle sensuali scarpe femminili provata dagli uomini alla passione delle donne per le loro calzature, sarebbe certamente così. Ma Kraft-Ebing sta chiaramente parlando della sessualità maschile.
Quanto egli afferma sembra andare contro la convinzione al quanto comune che è il nascosto, il sottratto, il velato, ad attirare l’attrazione sessuale. Kraft-Ebing invece ritiene che le fissazioni feticistiche si creino nel bambino per diretta esperienza visiva: dunque il feticismo dei guanti è un derivato perché essi sono indossati più raramente, mentre le scarpe sono portate per la maggior parte del tempo, e dunque le scarpe sono più osservate e attraenti dei piedi. Ma forse sarebbe più significativo riprendere un confronto pene-vagina/piede-scarpa, e come sesso maschile e senso femminile sono complementari, così può essere per scarpa e piede nel feticismo, senza dover sentire la necessità di stabilire una predominanza e una derivazione tra di loro.

Ad ogni modo, appare invece pertinente il richiamo al masochismo, che già riterrei presente in forma delicata nello stesso feticismo dei piedi, ma che egli ritiene all’opera nella forma di ciò che definisce “coprolagnia” (la pratica di sporcare parti del corpo che divengono così estremamente eccitante, come avviene per i più estremi pissing escatting), ovvero il cosiddetto dirty foot fetish.
Non è possibile rintracciare in Kraft-Ebing una teoria generale su feticismo e sul feticismo dei piedi, ancora meno una teoria eziologica. Tenendo conto, però, dei casi patologi da lui raccontati, a prima vista porebbe sembrare che propenda per un accostamento del feticismo dei piedi a una forma di omossessualità repressa. Una posizione, cioè, vicina a quella che poi sarà di Freud, che, in Tre saggi sulla teoria sessuale (1905),  fa risalire il feticismo del piede a una compensazione immaginativa del pene, evirato nella donna (succhiare il piede a una donna è, insomma, succhiarle l’unico pene possibile, il feticista del piede femminile è un omosessuale che si sfoga per come gli è possibile con la donna). Teoria sulla quale si avrebbe molto da ridire, e non sulla pertinente, a mio avviso, comparazione tra il piede e il fallo, e la funzione (ludica) del fallo-piede per la donna, ma sul dover a tutti i costi delineare la repressione patologica di una presunta omossessualitè, frutto di una fallità evoluzione dello sviluppo sessuale infantile… teoria le cui premesse non si trovano in Kraft-Ebing (ma Freud ha letto con ammirazione le sue pagine sul feticismo). Nel caso da lui ritenuto patologico che qui citiamo, infatti, nelle righe finali parla di un “feticismo dei piedi originario” e di un'”omossessualità tardiva” e non latente e originaria nel feticismo:

Caso 144. – Feticismo del piede. Omosessualità tardiva. X., funzionario, 29 anni, di madre neuropatica e padre diabetico. Psichicamente ben dotato, di temperamento nervoso […]. Ricorda con certezza che già all’età di 6 anni la vista di donne a piedi nudi lo eccitava sessualmente e gli provocava lo stimolo ad inseguirle o ad essere presente al loro lavoro. All’età di 14 anni si insinuò, una volta, di notte, nella camera di sua sorella che dormiva, e ne abbraccio e ne baciò i piedi. Già ad 8 nni imparava da solo a masturbarsi, compiendo l’atto mentre immaginava piedi femminili nudi. A 16 anni portava spesso in letto con sé scarpe e calze di donne di servizio, e quindi manipolandole si eccitava sessualmente e si masturbava.  A 18 anni il libidinoso X. cominciò ad avere rapporti sessuali con ragazze. Era perfettamente potente. Il coito lo soddisfaceva, e il suo feticcio non aveva parte alcuna in tali rapporti sessuali. Non sentiva la minimina inclinazione sessuale per persone di sesso maschile, e i piedi maschili non lo interessavano in alcun modo.
A partire dall’età di 24 anni si produsse in lui un cambiamento nella sensibilità sessuale e nello stato di salute. L’individuo divenne nevrastenico e cominciò a provare inclinzazione sessuale per l’uomo. […] Soleva masturbare uomini, riceverne il pene in bocca e baciar loro i piedi […].
Epicrisi
: Feticismo dei piedi, originario. Omosessualità tardiva, con trasposizione dei complessi associativi legati al citato feticismo dall’eterosessualità all’omossesualità.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

2 commenti su “Il feticismo dei piedi nella “Psychopathia sexualis”

  1. I have been browsing online more than three hours today, yet I never found
    any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me.
    In my view, if all webmasters and bloggers made good content
    as you did, the net will be a lot more useful than ever before.

Lascia un commento